Al Festival del film di Roma vince "Brotherhood"



La quarta edizione del Festival Internazionale del Film di Roma è stata vita dal film "Brotherhood". La pellicola ambientata a Copenaghen racconta la storia d'amore gay fra due neonazisti ed ex soldati dell'esercito.
Un film difficile, che racconta in un'unica storia due realtà (il nazismo e l'omosessualità) che non è semplice far coesistere. A dirigere il tutto il regista danese di origini italiane Nicolo Donato (ex fotografo di moda e al suo debutto dietro la macchina da presa) che ha dichiarato di aver voluto affrontare il tema dell'omosessualità nel nazismo dopo aver visto un documentario che affrontava l'argomento in modo sciocco e superficiale.
Commenti