Anche in Kentucky cade il divieto ai matrimoni gay


Come già accaduto in vasti stati Usa, anche in Kentucky è un giudice federale ad aver annullato il divieto alla celebrazione di matrimoni fra persone dello stesso sesso imposto dal governo.
Secondo il giudice John G. Heyburn, infatti, il divieto del Kentucky viola la Costituzione dato che tratta le coppie gay in modo differente da quelle eterosessuali senza garantire la parità di tutela costituzionalmente prevista. Inoltre, «assicurare uguali tutele alle coppie dello stesso sesso non diminuisce in alcun modo la libertà degli altri».
La sentenza, però, non avrà effetto immediato: è stato lo stesso giudice a sospenderla in attesa del possibile ricorso in appello da parte delle istituzioni (che a febbraio già impugnarono la sentenza con cui era stato abolito il divieto al riconoscimento dei matrimoni gay celebrati all'estero).
Negli Stati Uniti il matrimonio egualitario è in vigore nel Distretto di Columbia e in 19 stati: California, Connecticut, Delaware, Hawaii, Illinois, Iowa, Maine, Maryland, Massachusetts, Minnesota, New Hampshire, New Jersey, New Mexico, New York, Oregon, Pennsylvania , Rhode Island, Vermont e Washington.
3 commenti