Adinolfi insulta Ciacci e Todaro: «Quei due maschi erano davvero imbarazzanti»



Mario Adinofli ama frignare come una scolaretta se qualcuno osa anche solo lontanamente offenderlo quale riposta ad un suo insulto, ma sui social network non fa mistero di come l'insulto sia l'unico linguaggio di cui pare capace. Dal suo profilo Twitter, l'integralista risponde alle critiche di Selvaggia Lucarelli con insulti gratuiti rivolto a Giovanni Ciacci e al maestro Raimondo Todaro:



Ricapitolando, lui può insultare chi vuole perché il suo odio deve essere ritenuto "libertà di espressione", ma non tollera che qualcuno possa rispondere alle sue constanti e ossessive provocazioni. Siamo dinnanzi al bambinetto che continua a punzecchiare il compagno di banco e chiama la maestra se lui osa rispondere.

L'unica differenza è che forse il bambinetto non andrebbe in giro a sventolare uno 0.6% di voti come se fosse un successo, soprattutto se sino al giorno prima giurava che la Madonna avesse fatto un miracolo nel fissare la soglia al 4% per la prima tornata elettorale dato che lui si diceva certo di raggiungere quella soglia. ma Adinolfi scrive:



Pare inutile osservare che il charleston prevede l'uso del bastone e che probabilmente anche una coppia formata da un uomo e una donna vi avrebbe fatto ricorso. Ma forse queste logiche sono troppo complesse per poter essere comprese da una mente accecata dall'odio omofobica come quella di Mario Adinolfi, un uomo che fattura denaro promuovendo odio e ferocia contro un gruppo sociale in una vergognosa impunità.
Puoi frigna se riceve un centesimo delle offese e dell'odio che ha riversato contro il prossimo in quella su personale guerra ad un Dio che ha osato creare un mondo che non è incentrato sulla sua persona e sulle sue fantasie sessuali così come lui vorrebbe.

Comunque sia, Adinolfi si permette di definire «imbarazzante e grottesco» il ballo fra due uomini, poi fa una diretta video che inizia così:

2 commenti