Mario Adinolfi mistifica: «Contestare l’innaturale non è omofobia. Todaro ha schifo a toccare Ciocci»



Sembra surreale come Mario Adinolfi ami promuovere l'omofobia attraverso la sua vile abitudine di tentare di mettere forzatamente parole mai pronunciate nelle bocche altrui. Ed è così che il fondamentalista anti-gay si lancia nell'accusare di omofobia il povero maestro Todaro, giurando nel nome della Vergine Maria che sicuramente proverà schifo nel toccare un altro uomo. Lo scrive nero su bianco in quella bacheca di propaganda omofoba che è la sua pagina Facebook:

Alla fine lo ha ammesso anche Milly Carlucci: l’operazione ideologica imperniata attorno a un signore che ha tanta voglia di farsi notare, è fallita affogando nel ridicolo. Lo dice a modo suo, ma la sostanza è questa: non è omofobia affermare che questi due sono ingiudicabili in quanto non compongono una coppia ma al limite “un duo”, in cui il povero Todaro cerca di toccare il meno possibile l’altro e ha l’aria di chi per campare è costretto a fare ciò in cui non crede. Insomma, dice la Carlucci, ha ragione Zazzaroni. Il che vuol dire che ha sempre avuto ragione il dileggiato Popolo della Famiglia. Per carità, è questione minore, ma far dire a una mammasantissima del sabato sera di Raiuno che contestare l’innaturale non è omofobia, è una piccola impresa riuscita. Forza PdF.

Ovviamente quanto afferma Adinolfi è mera menzogna. Nella parte dell'articolo che lui non cita, la Carlucci afferma che è per evitare gli insulti degli intolleranti alla Adinolfi che ai due sarebbe stato chiesto di non avvicinarsi troppo per le prime puntate, evidentemente temendo gli isterici starnazzi dell'omofobia organizzata. Le sue testuali parole sono state:

Abbiamo capito che avevano bisogno di andare per gradi [...] Per proteggere la loro discesa in pista, gli abbiamo permesso di esibirsi come duo, punto di partenza per arrivare alla coppia.

Da qui a giurare che lui abbia vinto o che Todaro avrebbe schifo ad avvicinasi ad un altro uomo ne passa, tant'è che a giudicare dalle immagini televisive pare proprio che Todaro non abbia alcun problema ad avere contatti fisici con Ciacci al punto che è lui ad aver più volte abbracciato il compagno di ballo. Evidentemente Adinolfi non ha ancora capito che il fatto che lui sia omofobo non significa certo che lo siano anche gli altri, tant'è che ad accettare la sua ideologia del disprezzo ha trovato un misero 0.6% di elettori.
Se poi aggiungiamo come quanto affermato sia palesemente falso, pare evidente si sia dinnanzi all'ennesimo vile atto di un uomo politicamente fallito che non sa più a cosa aggrapparsi pur di ottenere visibilità.
2 commenti