Il prete accusato di pedofilia: «Delpini mi avvisò che ero sotto inchiesta». Il tribunale impedisce di approfondire



Don Mauro Galli è un prete milanese attualmente sotto processo per presunte molestie su un minore. In aula ha dichiarato che Mario Delpini, attuale arcivescovo di Milano ed allora vicario generale, lo avvisò che c'era un'inchiesta contro di lui. Gli consigliò un avvocato e gli suggerì anche alcune accortezze, come ad esempio quella di non parlare al telefono.
«Nel settembre 2014 vengo chiamato dal vicario generale e mi dice che a Rozzano i preti hanno sentito di una possibile denuncia effettuata contro di me», ha raccontato dinnanzi al giudice.
Le intercettazioni hanno documento come Delpini abbia convocato don Galli e di come lo abbia invitato a non parlare al telefono. Ma è proprio a quel punto che il presidente del tribunale ha impedito al pm di poter proseguire con le sue domande: «Sono temi estranei al capo di imputazione», ha sostenuto.
Se è vero che Papa Francesco ha negato la promozione a cardinale all'arcivescovo in virtù del suo coinvolgimento nel processo, pare grave non si voglia approfondire il coinvolgimento della curia nella protezione di presunti preti pedofili.
1 commento