Verona, gli negano una casa in affitto perché gay



L'omofobia è tornata a colpire. A Castelnuovo del Garda, in provincia di Verona, una coppia si è vista rifiutare l'affitto di un appartamento «perché non siamo una coppia tradizionale».
Marco e Giorgio, coppia dal 2011, non possono avere una casa perché nella patria della propaganda di Gandolfini sembra non esserci più spazio per i più basilari diritti umani. «Ci siamo sentiti ghettizzati, ammutoliti e vuoti. Ci vogliamo bene, stiamo costruendo un futuro con le nostre mani, i nostri sacrifici», hanno spiegato all'Huffington Post.
Fortunatamente la storia ha avuto un lieto fine: «Questa mattina abbiamo incontrato i proprietari di un’altra casa -spiegano- È proprio vero che quando si chiude una porta si apre un portone. La casa in questione è ben più grande di quella vista precedentemente e negata per il fatto che siamo una coppia non tradizionale, siamo in mezzo alla natura e con la possibilità di fare la mia musica tutte le ore».
Resta comunque l'evidenza di una società ancora pervasa dall'odio, in cui troppo spesso lo stato è totalmente assente mentre i più basilari diritti costituzionali vengono calpestati nel nome del pregiudizio.
Commenti