Chicago. Sacerdote cattolico brucia una bandiera rainbow in onore ai santi Michele, Gabriele e Raffaele



Don Paul Kalchik, un sacerdote cattolico della Parrocchia della Resurrezione di Chicago, aveva annunciato su un sito legato all'integralismo cattolico la sua intenzione di distruggere una bandiera lgbt durante una messa. Nonostante la diocesi sia intervenuta per proibirgli un atto tanto blasfemo quanto violento, il sacerdote avrebbe deciso di disobbedire ai suoi superiori e avrebbe bruciato una bandiera rainbow durante una cerimonia privata svoltasi a Chicago alla presenza di pochi parrocchiani selezionati sulla base della loro omofobia.
«Non possiamo lasciare che i problemi attuali ci mantengano dalla nostra missione di fare più discepoli per il Signore, né le distrazioni moderne come il riscaldamento globale, i "diritti" lgbt o persino le questioni dell'immigrazione abbiano la precedenza su quella missione», aveva scritto Kalchik nel suo messaggio. In una nota inserita dopo la pubblicazione, il sacerdote cattolico ha aggiunto: «Sabato 29 settembre, Festa dei santi Michele, Gabriele e Raffaele, bruceremo davanti alla chiesa la bandiera arcobaleno che purtroppo era appesa nel nostro santuario durante la prima messa solenne come parrocchia della Resurrezione».
La bandiera in questione, raffigurante una croce fusa con un arcobaleno, venne appesa nel santuario della chiesa durante la prima messa in parrocchia celebrata nel 1991.
10 commenti