La Lega restituirà i soldi rubati agli italiani beneficiando di una rateizzazione di ottant'anni



La procura di Genova ha accolto la richiesta della Lega per la restituzione dei 49milioni di euro rubati agli italiani in oltre ottant'anni di rate da 600 mila euro all'anno. Stando alla media sull'aspettativa di vita, Salvini morirà prima di aver restituito i soldi degli italiani che ha già indebitamente speso.
Confermandoci che la legge non è uguale per tutti, il cittadino non potrà dire di aver giá speso i soldi che avrebbe dovuto versare in tasse per chiedere che siano gli eredi ad occuparsene.
Curioso è come i calcoli forniti dai leghisti paiano presumere che la rateizzazione pressoché secolare non comporterà alcun interesse sulla somma dovuta mentre ai cittadini lo stato riserva trattamenti vicini all'usura.
Volessimo fare facile populismo al pari della Lega, potremmo tranquillamente dire che da qui ad ottant'anni sarà lecito sostenere che ogni singolo progetto che salterà a causa dell'assenza di fondi sia la conseguenza dei soldi sottratti al popolo italiano dal partito di Matteo Salvini.
Ad aggiungere la bella al danno è come questi fossero quelli del «Roma ladrona, la Lega non perdona».
3 commenti