La Lega ride davanti al nome fascista dato ad un cane poliziotto



È facendo sterile ironia che la Lega di Matteo Salvini cerca di sminuire la gravità dei fatti. Dicono che un cane poliziotto sia stato «accusato di essere fascista» e l’assessore leghista Federico Arena ha trovato divertente dichiarare: «Non abbiamo trovato busti di Mussolini nella cuccia».
Peccato che il tema emerso a Monza sia molto più grave, con l'opposizione che ha chiesto doverose delucidazioni su un cane poliziotto a cui è stato dato il nome di Narco della Decima Mas. Il riferimento è alla Decima Flottiglia Mas, ossia l'unità della marina italiana che fece parte del corpo militare della Repubblica di Salò e collaborò attivamente con le forze armate tedesche in Italia settentrionale dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943.
Se la versione ufficiale è che il nome fascista sia stato scelto dall'allevamento, non sembra che la Lega si sia proposto di cambiarlo o abbia valutato l'ipotesi di cambiare fornitore.
Nulla di nuovo, forse, in un comune che vanta un assessore protagonista del saluto romano al Cimitero Maggiore di Milano, in cui bisogna aspettare l'autobus in piedi perché le panchine sono state riempite di dissuasori installati contro gli stranieri o dove i viaggiatori non possono usufruire delle uscite della stazione ferroviaria perché l'amministrazione teme che dei senzatetto possano cercarvi rifugio.
4 commenti