Le bugie leghiste sul terzo genere a New York



Ѐ incredibile quello che una certa area politica si inventa pur di raccattare consensi. Nei giorni scorsi lo stato di New York ha introdotto una nuova normativa che permette alle persone intersessuali (circa 1-2% della popolazione) di ricevere una "X" nel certificato di nascita. Non so se sia deficienza completa nel rapportarsi con la realtà o voluta ignoranza ma è incredibile quello che i conservatori sono stati capaci di dire sulla questione.
Lorenzo Fontana scrive su Twitter "non riesco proprio a capire come si possa cancellare, nei certificati di nascita, maschio e femmina"; peccato che non si cancelli nulla ma che si dia alle persone intersex la possibilità di essere, appunto, intersex e non di appartenere forzosamente a un genere. Comunque, secondo me, ci fa più che ci è, dato che, se fosse stato come dice lui, si sarebbe sperticato sull'argomento e non avrebbe banalmente scritto una riga sulla questione.
Salvini dice "Mentre in Italia stiamo lavorando per rimettere MAMMA e PAPÀ sui documenti, altrove cancellano maschi e femmine dal certificato di nascita... Non ho parole!"; Mi sa che IO "Non ho parole!", quante balle in una sola frase. Nessuno ha cancellato "MAMMA e PAPÀ" dai documenti e nessuno li ha rimessi (vedi bufala di Salvini sui moduli), per quanto riguarda il "cancellare" stessa cosa che ho detto su Fontana e come ultima cosa, ma non meno importante, cosa diavolo centra il ruolo genitoriale con le persone intersessuali e con un certificato di nascita?
Potrei continuare un elenco infinito per smentire tutte le stupidaggini dette da politici o attivisti estremisti sulla questione e disquisire se ci sono o ci fanno ma sarebbe solo un tedioso e infinito elenco (ho di meglio da fare).
Ma una domanda rimane: ci sono ancora persone che credono a tutte le bufale dette da questi signori solo perché gli aggrada credere in un complottone (teoria gender) invece di confrontarsi con una realtà meno minacciosa?

Marco S.
1 commento