Bologna. Plus chiede un confronto con la Regione per la piena operatività del BLQ Checkpoint



Nel corso del 2018, il BLQ Checkpoint di Bologna ha segnato un anno denso di attività e di riconoscimenti ottenuti grazie al lavoro dei volontari dell’associazione Plus Onlus nonostante l'alternante appoggio politico delle istituzioni sanitarie. A denunciarlo è la stessa associazione:

L’anno appena concluso ha visto la definitiva scadenza della convenzione lato Azienda Sanitaria, convenzione già scaduta nel 2017 ma prorogata fino al 31/12/2018 dopo nove mesi di rinvii, chiarimenti, revisioni e imposizioni da parte della direzione generale. Un modus operandi degno del peggiore approccio padronale. Un ritardo che ben rende l’idea della distanza fra la volontà espressa dalla Regione Emilia-Romagna e quella della direzione aziendale.
In risposta a un’interrogazione parlamentare dell’onorevole Rizzo Nervo, il ministero della Salute ha dichiarato: “Da ultimo, con particolare riferimento alle iniziative sviluppate a Bologna, si precisa che i risultati ottenuti dai «checkpoint» nelle infezioni a trasmissione sessuale sono molto incoraggianti. I contesti non sanitari sono, infatti, luogo d’elezione per l’esecuzione dei test HIV e IST e l’offerta di test rapidi al di fuori degli ambienti sanitari può contribuire ad aumentare il numero delle diagnosi tempestive e a facilitare l’accesso ai trattamenti”.
Plus registra con piacere gli apprezzamenti contenuti nelle dichiarazioni ufficiali della Regione, del Parlamento e del governo in carica, ma al contempo prende atto con rammarico che a tali dichiarazioni non corrispondono altrettanti atti politici concreti e conformi alla delibera di giunta regionale n. 1095 del 9/7/2018.
Allo scopo di comprendere se vi sia effettivamente la volontà politica di sostenere e implementare appieno il servizio del BLQ Checkpoint, Plus Onlus intende avviare un confronto istituzionale con tutti i gruppi consiliari della Regione E-R e i parlamentari eletti nei collegi regionali.
Plus ha quindi chiesto un incontro con il presidente del gruppo assembleare al fine di giungere a una convenzione condivisa, capace di garantire la piena operatività del BLQ Checkpoint.
Commenti