Bolzano, il consigliere leghista etichetta i gay sono come «l'associazione dei finocchi»



A Bolzano capita anche questo. Mentre in Consiglio Comunale si stava discutendo del nuovo regolamento delle pubbliche affissioni, è usando un italiano stentato che il consigliere leghista Kurt Pancheri si è lanciato in una patetica digressione. Tutto lascia pensare che il leghista volesse ripetere a pappagallo la propaganda integralista contro la Barilla, rilanciando le teorie di Provita Onlus sul fatto che Guido Barilla avesse ragione a non dare dignità alle famiglie gay e che i gay non avrebbero mai dovuto protestare o dialogare con lui visto che che alla fine ha cambiato opinione contro il loro interesse. Ma il leghista si è inceppato quando si è messo a dire che contro di lui sarebbe arrivata «l'associazione dei finocchi».
Pancheri è stato richiamato in due occasioni dal presidente Silvano Baratta per il linguaggio inappropriato da lui utilizzato, ma lui ha ribadito tutto convinto: «Finocchi si può dire, non è offensivo».

Clicca qui per guardare il video.
3 commenti