Cina, camion rossi contro le “terapie di riparative” dei gay



Un artista cinese e un poliziotto omosessuale hanno lanciato una protesta per denunciare le fantomatiche terapie di conversione contro gli omosessuali in Cina. La protesta è stata ispirata al film del 2017 “Tre manifesti a Ebbing, Missouri” e ha previsto diversi camion rossi in tour per le principali città del paese. I camion in questione recano slogan contro l'uso di queste terapie.
Sebbene la Cina abbia ufficialmente rimosso l’omosessualità e la bisessualità dalla lista ufficiale delle malattie mentali nel 2001 la terminologia ufficiale delle autorità continua a parlare di “disordine dell’orientamento sessuale”. Non si contano le storie di genitori che obbligano i figli gay a “correggere” il loro orientamento sessuale o a prendere moglie/marito anche contro la loro volontà.

Marco S.
Commenti