Lo stato di New York è pronto a mettere al bando le fantomatiche "terapie riparative" dell'omosessualità



Lo stato di New York sarebbe pronto a mettere al bando le fantomatiche "terapie di conversione" dell'omosessualità e ad aggiungere l'identità di genere alle misure antidiscriminatorie dello stato.
La proposta era già stata approvata dall'Assemblea di New York, ma avevano dovuto affrontare la resistenza al Senato. Ora che i democratici detengono la maggioranza in entrambe le camere, i legislatori dello stato hanno deciso di riprendere in mano il tema.
Il senatore democratico Brad Hoylman, sponsor di entrambi i disegni di legge, non ha dubbi nell'affermare che «La cosiddetta terapia di conversione è un abuso sui minori: semplice e semplice».
Le fantomatiche "terapie di conversione" dell'omosessualità sui minori è attualmente vietata da quattordici nazioni degli Stati Uniti. In Italia vengono promossa da Riccardo Cascioli de La Nuova Bussola Quotidiana, da Mario Adinolfi e dalla signora Silvana De Mari.
Commenti