Castiglione delle Stiviere. Secondo l'assessore, le donne che non sono fertili sono «donne inutili»



«O si nasce donne fertili o si nasce donne inutili». L'agghiacciante frase è stata da pronunciata Manlio Paganella, assessore all'istruzione e alla cultura, durante il consiglio comunale del 7 marzo a Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova.
L'uomo era stato chiamato a giustificarsi dalla sue indecorose parole pronunciate contro la Giornata della Memoria ha pensato di farlo asserendo: «Sono stato zitto per due mesi circa. Ringrazio il capogruppo Bignotti per avermi chiesto in merito. Che dire, vedo la pratica di lanciare il sasso e nascondere la mano. Del resto come diceva Manzoni, il coraggio a chi non cel’ha non glielo si può dare. Si nasce codardi, coraggiosi, uomini, donne fertili o donne inutili. Questi sono fattori che vanno oltre le nostre capacità».


Alla vigilia del convegno internazionale in cui il fondamentalismo organizzato proporrà il suo modello di "famiglia" basato sulla supremazia del maschio, su donne che se ne stanno a casa e su figli che vengono istruiti a domicilio per vietare che possano sviluppare pensieri autonomi, da Manova arriva l'ennesima dimostrazione di come il sessimo sia un problema tutt'altro che risolto all'interno di certe ideologie politiche.
2 commenti