Daniele Gattano contro Ciao Darwin: «Dopo Gay Pride contro Family Day, a quando neri contro KKK?»



Il comico Daniele Gattano non nasconde il suo fastidio davanti ad una puntata di "Ciao Darwin" che ha messo in contrapposizione un movimento politico che fattura sul commercio dell'omofobia alle loro vittime. Osservando come lui non comprenda con quale coraggio alcune persone lgbt abbiano potuto accettare una sfida tanto patetica, in un video diramato in rete si chiede:

Gay Pride vs. Family Day. Matteo Salvini, Carlo Giovanardi, Rocco Buttiglione, Mario Adinolfi, Lorenzo Fontana. Per quelli della Lega l’Italia e il c*lo di un uomo sono la stessa cosa: non ci deve entrare nessuno. Eppure Vladimir Luxuria, caposquadra della categoria Gay Pride insieme ad uno stuolo di ragazzi gay assetati di primi piani, cosa ci va a fare con queste persone? Ci va a giocare in tv. Sfide di canto, quella di moda, la macchina del tempo. Allora a questo punto facciamo anche ‘Neri vs. KKK’, ‘Mign*tte vs. Papponi’, ‘Onesti vs. Mafiosi’, ‘Bambini vs. Pedofili’, ‘Isis vs. Infedeli’, ‘Cinesi vs. Dolce e Gabbana‘. Peccato che non c’era Ciao Darwin nel 1945, avremmo visto Anna Frank ed Eva Braun sfidarsi nella prova coraggio ‘chi resisterà sotto la doccia’. D’altronde Andy Warhol questi 5 minuti di celebrità ce li aveva promessi, e noi pur di ottenerli siamo disposti davvero davvero a tutto.
Commenti