Il consigliere veneto Valdegamberi: «Io sto con il Medioevo del WCF. I genitori della Cirinnà avrebbero fatto bene ad abortirla»



È il consigliere regionale veneto Stefano Valdegamberi (ex Udc e Lista Zaia) a mostrarci con estrema chiarezza come l'abominevole World Congress of Families di Verona sarà un ritrovo di integralisti anticattolici che amano bestemmiare il nome di Dio e struprare i diritti dei bambini come pretesto per sostenere che la "vera famiglia" sia quella in cui il maschio domina, i figli ubbidiscono e la donna se ne sta alla catena secondo i più biechi stereotipi di genere promosso da Toni Brandi e Jacopo Coghe.

Alternando vittimismo a pura violenza, è per difendere la manifestazione integralsita che il consigliere regionale se n'è uscito dicendo: «Mai visto tanto accanimento contro un Congresso Internazionale sulla Famiglia. Visto le polemiche del tutto strumentali di questi giorni sono sempre più convinto che le vere discriminazioni sono proprio verso la famiglia nella definizione della Costituzione Italiana. Se questo lo si chiama medioevo io sto con il medioevo e non con chi vuole distruggere alle fondamenta gli istituti naturali della nostra civiltà, trasformata in individui-consumatori, privi di identità, facile bersaglio del potere delle lobby finanziarie».
Non pago di ciò, è scagliandosi contro la parlamentare Monica Cirinnà che Valdegamberi scrisse: «Che mer**da di gente ha il PD! ..il messaggio dovrebbero leggerlo i molti cristiani che sono convinti di votare un partito coerente con i principi evangelici... Ti avessero abortito cara Cirinnà sarebbe stato un diritto ben esercitato dai tuoi genitori!!».

2 commenti