Pillon al WCF: «Nelle scuole fanno scegliere ai ragazzi se vogliono essere essere omosessuali, etero o bisex»



Accompagnato sul palco del WCF Verona da Meluzzi e Balpietro, il senatore leghista Simone Pillon ha aperto il suo comizio dicendo che «il '68 ha distrutto la figura della famiglia e la forte funzione educativa del padre. La madre è stata colpita dove c'è la sua sacralità: la maternità. Per quelle ideologie, l'uomo è il vero cancro del pianeta. Malthus per la decrescita felice e Engels che sposta la lotta di classe dentro la famiglia. Contro la teoria del gender nelle scuole: il ragazzo sceglie con sei crocette da mettere su un quiz, se vuole essere omosessuale, etero, bisex, ecc. Solo in famiglia si impara a vivere ma anche a morire. Chi ci toglie la famiglia vuole impedirci che impariamo in famiglia come andare in cielo. Ma noi non glielo permetteremo».
Il senatore ha anche sostenuto sarebbe in atto una «epidemia della pedopornografia per colpa degli smartphone».
5 commenti