Se pure il Corriere offre spazio a chi sostiene che l'omosessualità sia la causa degli abusi nella Chiesa



Sul Corriere dell Sera, da anni è ospitato un blog chiamato "Italians" che viene gestito da da Beppe Severgnini. Se un paio di anni fa pubblicò una lettera di tal Giuseppe Scalas in cui si cercava di accomunare l'omosessualità alla pedofilia, ieri, per la seconda volta è stata pubblicata una nuova lettera in cui si tenta di sostenere che l'omosessualità dia la causa degli abusi sessuali nella chiesa.
La missiva si presenta come una ripetizione a pappagallo delle tesi sostenute su svariati blog legati al fondamentalismo cattolico, anche se lascia molto perplessi che quelle farneticazioni possano trovare spazio in un blog di tale livello.

Giusti per fare un esempio, in un passaggio della lettera leggiamo:

Il fenomeno degli abusi pederastici è legato strettamente al fenomeno degli abusi omosessuali in seminario, in questo caso nei confronti di maggiorenni, dei quali però non si fa - convenientemente - menzione. Tutto sembra orchestrato per proteggere la "Lavender Mafia", la lobby gay in Vaticano e di piegarsi al mondo, ovvero all'ideologia dominante per cui accostare omosessualità e abusi è bestemmia. Ma la radice del problema è l'omosessualità enormemente diffusa nel clero. Da questo segue tutto il resto.

E non meno surreale è come si aggiunga poi:

L'approccio burocratico e non di conversione, le parole cui non seguono i fatti (il Cardinale Farrell, accolita dell'abusatore McCarrick, è stato appena promosso a Camerlengo del Papa), gli psicologismi (sullo statuto epistemico della psicologia c'è da aprire un dibattito: stento a definire scienza una disciplina i cui pronunciamenti sono messi ai voti, come nel DSM e, in ogni caso, è una disciplina fortemente omosessualista e ideologizzata) e l'ingraziarsi i media (dire che serve maggior presenza femminile è una fesseria: la Chiesa è già eccessivamente femminilizzata, anche nel suo clero. Ciò che serve è una rivirilizzazione, con una forte presenza di padri di famiglia).
2 commenti