Tra gli organizzatori del WCF di Verona spunta anche il figlio del leader di Forza Nuova



Il figlio di Roberto Fiore (leader di Forza Nuova) ha lavorato per anni al fianco di Toni Brandi, presidente del World Congress of Families. Praticamente sparito dalle scene dopo che alcuni quotidiano nazionali avevano osservato la sua vicinanza ai gruppi neofascisti, è stato immortalato in alcune immagini registrate al WCF di Verona da Repubblica.
Insieme a Filippo Savarese (CitizienGo), si vede Alessandro Fiore che corre disperato contro l'arciprete Dmitrij Smirnov per impedirgli di poter rispondere alle domande dei giornalisti. Il sacerdote ortodosso è al centro di numerose polemiche per le sue posizioni contro i gay e contro i diritti delle dove, arrivando a sostenere che uno stato non debba occuparsi di difendere le vittime di violenza perché quelle sarebbero faccende che devono restare in famiglia.

1 commento