Il Giornale dice che gli islamici vanno puniti per l'incendio a Notre Dame. Salvini grida al miracolo



Il Giornale non perde mai occasione per gettare benzina sul fuoco e per fomentare razzismo, ma lascia senza parole come oggi aprano la loro prima pagina con un titolo letteralmente da vomito:


Peccato che non ci sia stato alcun attentato e che il loro odio verso l'umanità sia solo un rantolo fascista di chi vuole Salvini come suo noovo duce. E peccato anche che il loro italico "comandante", amato ed acclamato per quei bambini islamici morti che regala loro nel Mediterraneo, si fosse interessato così tanto all'incendio della cattedrale di Notre Dame di Parigi da ritenere di dover comunicate sui social che lui era davanti alla tv a guardare il Grande Fratello... un fatto evidentemente ritenuto di importanza politica dato che il vicepremier aveva annunciato la sua serata dinnanzi al programma già nel pomeriggio:


Ricapitolando, il leghismo vorrebbe che gli italioti si rincitrulliscano davanti a programmi spazzatura mentre il "comandante" leghista si inventerà squallidi pretesti per giustificare il razzismo in modo che i suoi elettori non si domandino perché siamo in recessione o perché lui non abbia tolto le accise dalla benzina come promesso in campagna elettorale.
Il tutto mentre i suoi discepoli scrivono:


Nella serata di ieri, il senatore leghista Simone Pillon si era già lanciato nel sostenere che la "colpa" dell'incendio fosse la laicità di uno stato che non rivendica la presunta supremazia del maschio eterosessuale bianco come lui ama fare. Ed è forse intenzionato a rifarsi della figuraccia di ieri, oggi Salvini annuncia la resurrezione Cristo cercando di conquistare il fondamentalismo religioso. Nonostante gli altari restino generalmente in pedi dopo i crolli, lui preferisce parlare di un miracolo:

2 commenti