Libero torna a defecare odio contro i neri. Poi aggiunge: «Greta viene a rivinarci la Pasqua»



Quella stronza di Greta ha rotto le scatole le sue luride preoccupazioni per i cambiamenti climatici dato che il leghista medio ha il diritto di poter inquinate quanto gli pare mentre sfreccia col suo suv sulle padane strade italiche che il "capitano" Salvini vuole siano ripulite da quei neri che rovinano la purezza della loro razza.
È questo il messaggio veicolato oggi dal quotidiano Libero.

Ormai ostentatando e plaudendo al razzismo leghista e a quel loro Salvini che considera "porti sicuri" i lagher di un paese in guerra civile, è in prima pagina che titolano:


Sotto alla lode al razzismo, il quotidiano prova a sostenere che pure quei mussulmani che loro disprezzano apertamente si recherebbero col cappello in mano alla porta di Salvini dato che lo stato è lui, il nuovo duce. L'italico difensore della razza che deve essere esaltato per la sua "cristiana" inumanità e per il suo disinteresse nei confronti della vita e dei diritti umani di quei neri che i "pidioti" insistono a sostenere non varrebbero meno di quella di un bianco.

E riguardo quella svedere che parla del futuro? Per loro è una ragazzina che viene «a rovinarci la Pasqua» e che osa sottrargli il Papa mentre loro celebrano il loro dirsi "cristiani" mentre il Mediterraneo so riempie di cadaveri. E per Libero, il parlare dei cambiamenti climatici sarebbe «parlare del caldo» in una derisione all'ecologia, prontamente definita «inutile». In un ricorso al cattivismo salviniano e all'insulto gratuito, scrivono:


Davvero l'Italia si è ridotta ad essere un Paese del quarto mondo disposta ad accettare uno simile schifo? Davvero le persone di destra non provano ribrezzo ad essere rappresentate da quotidiani che veicolano simili messaggi?
3 commenti