Mario Giordano denigra Greta Thunberg, definendola «una sedicenne perlopiù malata»



Prosegue la diffamazione dei populisti di estrema destra contro Greta Thunberg, la sedicenne svedese che viene da loro quotidianamente diffamata e denigrata dato che loro odiano chiunque si batta per qualcosa e non contro qualcuno. Loro vogliono un "comandante" Salvini che che tolga un tetto sotto a cui dormire a quei migranti che regolari che si è già occupato di rendere clandestini per decreto, non certo chi chieda di risparmiare le risorse naturali per dare un futuro alle nuove generazioni.
Dopo gli insulti gratuiti pubblicati in prima da Feltri, è dalle pagine del vomitevole quotidiano propagandistico di Maurizio Belpietro che Mario Giordano ha realizzato un surreale video traboccante di insulti. Greta viene definita «Pippi calzelunge» e la sua sindrome di Asperger viene derisa da un violento che se ne esce dicendo che sarebbe «una sedicenne perlopiù malata».
Assicura che le sue richieste siano «ridicole» e deride le sue iniziative. Evidentemente i destroidi populisti risicano per la determinazione dimostrata dall'adolescente dato che loro preferirebbero ragazzi celebrolesi che non si impegnino in nulla e che guardino il Grande Fratello come il loro Salvini, così l'élite politica potrà curarsi dei propri interessi senza che nessuno se ne preoccupi.

4 commenti