Omotransfobia, Plus: «Subito la legge, via gli emendamenti»



L'associazione Plus chiede ancora una volta l’approvazione della legge regionale di contrasto alla omotransnegatività in discussione in Emilia-Romagna. Ma per poter rimanere sensata, l'associazione chiede che sia mantenuto il testo originale.
Il testo è infatti stato scandalizzato da alcuni catto-dem che, tradendo il principio fondamentale della laicità dello stato, hanno chiesto l'introduzione di alcune clausole che introducono uno psico-reato volto a impedire che le associazioni lgbt possano dirsi favorevoli all'omogenitorialità. Praticamente hanno reso quel testo uno strumento di promozione omofoba.
Lo scorso 11 aprile, i volontari di Plus hanno manifestato davanti alla sede della Regione insieme a Franco Grillini e al movimento lgbt emiliano-romagnolo, ma purtroppo gli ultimi giorni hanno portato notizie sconfortanti sul fronte della politica locale.
Plus chiede alle forze presenti in Consiglio e soprattutto al PD che ne detiene la maggioranza di dimostrare la volontà politica, e l’onestà intellettuale, necessarie a votare una norma di semplice buonsenso.
“La lotta alla discriminazione, anzi alle discriminazioni, sta alla base dell’operato di Plus”, spiega il presidente Sandro Mattioli. “Zavorrare una buona norma con dei distinguo, peraltro surreali, equivale ad annullarla. La Regione Emilia-Romagna può e deve fare di meglio”.
Commenti