Pillon dice di pregare mezz'ora al giorno per «sopportare» chi contesta la sua ferocia contro i bambini



Ostentando la sua proverbiale superbia, il senatoreleghista Simone Pillon annuncia che l'aberrante legge con cui intende punire i figli delle coppie divorziate andrà avanti e sarà solo l'inizio di una riridridefinizione in salsa leghista dello stato di famiglia. Lo annuncia ribadendo che lui se ne frega dei cittadini dato che lui è lì con l'unico scopo di imporre per legge le sue ideologie contro natura.
E dato che un uso propagandistico della religione è un must per ogni integralista, è auto-martirizzandosi e raccontando che lui "sopporterebbe" chi osa pensarla diversamente da lui che si bulla di pregare mezz'ora al giorno per chiedere a Dio di essere aiutato a cancellare i diritti di gay e donne affinché sia fatta la volontà di Gandolfini e di Putin:


L'annuncio segue le dichiarazioni del M5S, i quali raccontavano che l'aberrante ddl Pillon fosse stato ritirato. Evidentemente i leghisti intendono dimostrare che è la loro minoranza a comandare e che Salvini se ne frega di tutto e tutti quando c'è da anteporre gli interessi dei russi a quelli degli italiani.
2 commenti