Regione Lombardia e Provincia di Lecco finanziano con denaro pubblico il corso integralista vietato ai gay



L'evento integralista sarà espressamente vietato ai gay, ma sarà finanziato il denaro dato che la Lega di Matteo Salvini sta elargendo a piene mani alle sette ombrofobe. Ed anche questa volta ci sarà il patrocinio di Regione Lombardia e il contributo dell’Amministrazione provinciale di Lecco.
Ad organizzare il fantomatico "seminario sulla felicità e la pace" in locali pubblici pagati dai contribuenti è il 79enne Pier Franco Marcenaro, fondatore della "Scuola della spiritualità" della onlus "Centro dell’uomo" e presidente del "Centro interreligioso mondiale".
Nei moduli di iscrizione viene spiegato che i gay potranno partecipare solo ed esclusivamente se dichiareranno di vivere la loro sessualità in assoluta castità e se dichiareranno «la loro condizione» in virtù di come il guru omogobo dica di voler «permettere loro un regolare progresso nella meditazione». Per i gay che hanno una vita affettiva e per chi ha disturbi psichici, l'ingresso sarà precluso, in un'accomunanza tra omosessualità e malattie psichiche che provoca ribrezzo verso chiunque abbi1a pensato di patrocinare o finanziare una simile porcheria.



L'associazione Renzo e Lucio di Lecco si domanda: «Il corso in questione è stato presentato nell’aula Magna del Politecnico con Patrocinio di Regione Lombardia e contributo della Provincia di Lecco. Ci chiediamo se Politecnico e Provincia hanno valutato realmente i contenuti di questa iniziativa? Ci auguriamo che non ne condividano le basi ideologiche e, in quanto realtà pubbliche e laiche, prendano distanza da queste impostazioni discriminatorie e non scientifiche».
Il presidente della Provincia, Claudio Usuelli, ha commentato: «Non eravamo a conoscenza di queste discriminazioni. Abbiamo concesso l’utilizzo della sala a tariffa ridotta come ai volontari di tutte le associazioni. Chiederò immediatamente chiarimenti e assumerò i provvedimenti del caso».
1 commento