Un nuovo studio dell'Università sapienza dimostra che i genitori gay crescono meglio i propri figli e siano più fedeli degli etero



Quante volte ci è toccato ascoltare un Simone Pillon pronto a dire con assoluta certezza che per crescere un bambino serve un uomo e duna donna? La ragione di quella dialettica si basa sul tentativo di far leva sul pregiudizio e sull'abitudine, svendendo teorie basate sul nulla come se fossero dogmi di fede dato che la stragrande maggioranza dei suoi proseliti sarà nato in una famiglie eterosessuale.
Ma se i dati dimostrano come migliaia di bambini italiani vivano in uno stato di abbandono all'interno delle loro cosiddette "famiglie tradizionali", uno studio condotto dal professor Roberto Baiocco all'Università Sapienza di Roma non lascia dubbi: le famiglie LGBT offrono un livello più alto di salute psicologica e di relazione con gli altri da parte dei bambini.
Lo studio ha analizzato tre gruppi ben distinti: uno composto da 70 padri omosessuali che avevano visto nascere loro figlio attraverso la maternità surrogata, un'altro composto da 125 madri lesbiche rimaste incinte grazie all'inseminazione artificiale e un terzo formato da 195 coppie eterosessuali. Tutti loro risultavano cittadini italiani.
Le analisi hanno dimostrato che i figli cresciuti in famiglie composte da due padri gay mostrano meno problemi rispetto gli altri due gruppi. I ricercatori si spiegano che la differenza deriva probabilmente dal fatto che le coppie gay devono impegnarsi molto più delle altre per diventare genitori e che la loro motivazione li renda più impegnati nel garantire una crescita equilibrata ai propri figli.
Ma non è finita qui, dato che i ricercatori hanno osservato anche come i padri delle coppie gay abbiano un reddito più alto, risultino più istruiti e portano avanti una relazione più stabile rispetto alle altre due categorie studiate.
Insomma, la scienza ha nuovamente sbugiardato le teorie di quei fondamentalisti che vanno in giro a dire che i gay sarebbero più infedeli di chi vota quel loro partito che vuole legalizzare la prostituzione o che i loro figli crescerebbero meglio nonostante tutto dica il contrario.
1 commento