Antoine Griezmann: «L’omofobia non è un’opinione, ma un delitto»



Antoine Griezmann ha deciso di dichiarare guerra all'omofobia nello sport. Apparendo sulla copertina della rivista lgbt francese Têtu, ha dichiarato: «Basta con l’omofobia nel calcio. A questo punto, se sento di nuovo un giocatore pronunciare frasi omofobe durante un match, credo che interromperò la partita e uscirò dal campo».
Parlando di eventuali coming out, il 28enne ha aggiunto: «Se qualche giocatore lo farà, voglio che sappia che potrà contare su di me. Io sarò al suo fianco, perché per opporci a questo fenomeno dobbiamo parlarne. Bisogna ripetere che l’omofobia non è un’opinione, ma un delitto» .
1 commento