Pennsylvania. Fallisce la crociata integralista per vietate i bagni agli studenti trans



Gli studenti e le studentesse transgender della Pennsylvania potranno decidere quali bagni utilizzare. Lo ha deciso la Corte Suprema degli Stati Uniti d’America, respingendo il ricorso di gruppo di sedicenti "cristiani" si erano appellati ai giudici per chiedere che quegli studenti fossero costretti ad utilizzare i bagni da loro stabiliti.
Surreale è come l’organizzazione legale "cristiana" e conservatrice che ha finanziato il processo abbia tentato di sostenere che il «consentire agli studenti transgender di usare bagni e spogliatoi che corrispondono alla loro identità sessuale viola i loro diritti alla privacy».
Insomma, a detta loro, chiedere ad una donna di usare il bagno degli uomini perché nata con un pene sarebbe stato a vantaggio delle persone transessuali. Ma a quanto pare la Corte non è stata interessata a dar credito alle loro bizzarre teorie.
Commenti