Riccardo Cascioli giura su Dio che i gay andrebbero ai Pride solo per rimorchiare



Quasi si trattasse di una lista di proscrizione, il sito di propaganda omofoba diretto dal fondamentalista Riccardo Cascioli ha pubblicato un elenco dei Pride italiani. Ma pare surreale leggere le conclusioni tratte dal suo sito:

Questo lungo elenco ci fa comprendere almeno due cose. L’ideologia gay è molto diffusa dato che in modo capillare i gay pride hanno raggiunto tutte le principali città d’Italia. In secondo luogo tale diffusione è la prova che le persone omosessuali non sono discriminate dalla collettività. Il Gay Pride dunque si aggiunge a tutte quelle altre presenze del pensiero gay che ormai informano il pensiero collettivo.

Se non è chiaro in che modo una manifestazione dimostrerebbe la non-discriminazione solo perché non viene vietata come avviene in Arabia Saudita, patetico è come sostengano tale tesi mentre parlano dell'omosessualità come se fosse una qualche forma di "contagio" che può "diffondersi".

Non paghi delle menzogne che Cascioli è solito defecare a sfregio delle immagini sacre che utilizza blasfemamente per scopi politici, è ricamando dietrologia dietro ad una presunta battuta di un imprecisato "sito gay" che quei professionisti del satanismo applicato si mettono a sbraitare che i gay parteciperebbero ai pride solo per rimorchiare:

Altra prova che perno del movimento omosessualista è l'eros, vero motore delle rivendicazioni ideologiche: la finalità ultima delle lobby gay è l'erotizzazione della società, una erotizzazione assolutamente liquida e senza barriere.

E se Cascioli è sufficientemente brutto per poter essere certo che probabilmente neppure il suo amichetto Luca Di Tolve se lo porterebbe mai a letto, pare inaccettabile la ferocia con cui il fondamentalista anti-cristiano vomita quotidianamente i suoi demoniaci insulti.
Forse Dio lo punirà per la sua immonda ferocia, ma non si capisce perché mai la magistratura non si interessi a comprendere se i suoi articoli sfocino nel reato di istigazione all'odio...

Immagini: [1] [2] [3] [4]
Commenti