Silvana De Mari fonda l'associazione "Giornalisti per la vita" e già chiedono soldi per pagare i suoi processi



È dalle pagine de La Nuova Bussola Quotidiana che la fondamentalista Silvana De mari ha lanciato un'organizzazione denominata "Giornalisti per la vita" che è stata pensata dalla giornalista Laura Borgognoni. Lo scopo presunto sarà quella di coordinare campagne contro tutto ciò che non piace ai fondamentalisti, dalle libertà di scelta dei malati sul loro fine vita alla parità per le persone sgradite ai loro leader. O almeno è quello che si può presumere dato che la signora De Mari rifodera i suoi più consueti slogan contro l'eutanasia, la libertà di scelta delle donne e il divorzio (paragonato ad un suicidio) prima di uscirsene con frasi abbastanza fumose:

Ora. Grazie a un’idea della giornalista Laura Borgognoni e mia nasce Giornalisti per la vita. In realtà l’idea è di Laura, io mi sono aggregata.
Aspettiamo iscrizioni. Combattete con noi. Combattiamo per la cosa più carina che esista al mondo, un bimbetto con i suoi occhioni e le manine chiuse a pugno. Combattiamo per la cosa più carina che esista al mondo: una mamma al suo bimbo in braccio. Combattete con noi.

Ma è forse per ripagare l'endorsment della signora De Maro che sui social network la signora Laura Borgognoni si è affrettata a lanciare collette con cui la sua amichetta possa pagarsi le spese processuali per le due affermazioni diffamatorie contro i gay:

2 commenti