Su mandato di Gandolfini, Pillon chiede che i soldi dei lavoratori siano usati per pagare i figli a Jacopo Coghe



Il fondamentalista Gandolfini vorrebbe mettere le mani sui soldi di tutti i lavoratori per agevolare le famiglie numerose, come quel Jacopo Coghe che per settimane ha dichiarato a tutti i giornali di aver ingravidato sua moglie per ben quattro volte.
Citando il quotidiano propagandistico di Maurizio Belpietro come "autorevolissima" fonte delle sue informazioni, Gandolfini sostiene che l'associazione l’Associazione Famiglie Numerose lamenterebbe «la mancata erogazione di 6 miliardi di euro in sei anni destinati al fondo per gli assegni familiari». Per intenderci, si tratta di quegli stessi assegni che Costanza Miriano si vantava di aver incassato dopo aver nascosto allo stato il suo matrimonio dato che suo marito non l'avrebbe poi potuta assumere in Rai a spese dei contribuenti.
Gandolfini dichiara anche che: «Sosteniamo l’emendamento del senatore Pillon che propone che questo avanzo di cassa sia usato per aumentare gli assegni familiari per i nuclei con tre e più figli. Allo stesso tempo esprimiamo la nostra indignazione per l’atteggiamento dell’ex presidente dell’Inps Tito Boeri che si è sempre rifiutato di fornire una risposta in merito a questa vicenda e ci uniamo all’Associazione Famiglie Numerose nel chiedere al neo presidente Pasquale Tridico di fare chiarezza su questi soldi, che spettano di diritto a milioni di lavoratori con figli a carico, unico vero caposaldo sociale ed economico di un’Italia che scivola verso l’inverno demografico».
Insomma, non solo Gandolfini vuole decidere chi possa avere figli, ora pretende pure che lo stato mantenga chi ne ha prodotti in quantità come da sua indicazione. Il tutto non senza lamentarsi del presidente dell'Inps, lodando il sostituto piazzato lì dal suo amato Salvini.
Commenti