Chris Evans asfalta gli omofobi che organizzano un "etero pride" a Boston



Negli Stati Uniti non sono al livello in cui a partecipare a simili carnevalate si presentano dei ministro leghisti così come avviene da noi, ma gli omofobi professionisti paiono non mancare neppure lì. Ed è così che alcuni integralisti di Boston hanno pensato bene di organizzare un "etero pride", sostenendo che loro vogliano urlare al mondo che sono orgogliosamente amanti della patata tanto quanto sostiene di esserlo anche il senatore Simone Pillon (sì, proprio quello che va in giro a giurare che i gay "comprerebbero" i bambini e che lui schifa i loro diritti nel nome dell'immacolato cuore della Madonna). Fatto sta che i soggetti in questione vogliono negare che un etero non deve rivendicare pari diritti se vuole sposare la persona amata, non deve aver paura di poter essere aggredito se esprime un sentimento d’affetto per una persona dello stesso sesso, e non deve avere paura della reazioni degli amici, della famiglia o dei colleghi di lavoro davanti ad un coming out.

A freddare gli omofobi ci ha però pensato l'attore Chris Evans che, in un commento pubblicato sul profilo social del Washington Post, è in riferimento all'"etro pride" di Boston che ha affermato:

Fantastica iniziativa, ragazzi !! Solo un pensiero, invece della sfilata dello “Straight Pride”, che ne dite di questo: “Cercando disperatamente di seppellire le nostre stesse pulsioni omosessuali essendo omofobi perché nessuno ci ha insegnato come accedere alle nostre emozioni alle parate per bambini? Cosa ne pensate? Troppo fastidioso?
Commenti