Il PD è pedofilo e i gay vogliono rubarvi i figli. Parte la campagna d'odio di Forza Nuova



È su mandato di Filippo Savarese e Raffaella Frullone che i gruppi neofascisti vicini a Matteo Salvini hanno cercato un modo per lanciarsi nello sciacallaggio dei fatti di Bibbiano al fine di metterli a frutto per la loro deviata promozione dell'odio omofobico.
Dato che è evidente che al fondamentalimo cattolico non freghi nulla dei bambini e che li usino solo come carne da macello da poter abusare per i loro più perversi scopi, è attraverso un hastag che tenta di accomuniate l'omosessualità alla pedofilia per poi sostenere che i senatori del PD sarebbero pedofili perché la "vera famiglia" voltura da Dio è quella di chi ha mollato la moglie e varie fidanzatine sino ad infilarsi tra le comperte di una adolescente che ha la metà dei suoi anni e che è la figlia di un uomo che lui definiva "traditore"

Cercando i usare il nazionalismo, omofobia e parti della propaganda integralista, i camerata cercano di sostenere che una assistente lesbica che avesse commesso atti illeciti basterebbe ad accusare tutto il mondo lgbt. Peccato che quando gli abusi vengono commessi da persone etero, si guardino bene di fare altri. Fatto sta che il neofascisti se ne sono  usciti con questo schifo:


Surreale è come questa feccia parli di una fantomatica "lobby gay" e ricorra al nazionalismo quasi come se i gay non fossero italiani. Usano immagini volutamente diffamatorie e cercano di unirle quel simbolo arcobaleno contro cui provano odio contro-natura. Concludono la loro merda con la solita frasetta demente che serve a creare odio sociale, sostenendo che i gay vogliano portafogli via i figli.
Commenti