Quelli che pregano contro i gay festeggiano l'oscuramento di Gayburg: «Sono il demonio che propaganda l'abominio della perversione gay»



I fondamentalisti di Radio Spada (nella foto durante un incontro con un sacerdote lefebvriano) sono quei tizzi che vanno in giro a dire che Dio odierebbe i gay e che loro sentono la necessità di organizzare blasfemi «atti di riparazione in risposta alle offese del Pride». Insomma, stuprano il nome di Dio per tentare di usare la relgiione come mezzo di promozione dell'odio contro un intero gruppo sociale.
Lodando Google per aver oscurato Gayburg mentre ospita e finanzia quei fondamentalisti che tentano di sostenere che i gay darebbero «pedofili» o possono essere «curati» dalla loro «malattia» dato che la loro Silvana De mari li assicura sul fatto che sarebbe giusto provare «odio e ribrezzo» verso di loro, è ricorrendo ad insulti ed offese gratuite che scrivono:


Tra i commenti, troviamo i soliti personaggi legati al fondamentalismo organizzato (a dimostrazione di come ci sia sempre il solito manipolo di personaggi dietro alle molteplici sigle create dal movimento anti-gay) che paiono voler fare a gara tra chi offende di più o chi diffama maggiormente:

1 commento