Affari Italiani: dopo la xenofobia arriva il sessimo



Dopo il surreale articolo in cui invitavano i militari ad impugnare le loro armi contro i giudici che rispettano la legge anziché la volontà del loro Matteo Salvini, il quotidiano Affari Italiani è stato capace pure di questo:


Non è chiaro perché reputino che una donna che gioca a calcio debba essere rappresentata nuda e insaponata, quasi ritenessero che la donna debba essere trattata come quelle bambole gonfiabili che il loro Matteo Salvini ama portare sui palchi dei suoi comizi.
Il timore è che questo sia l'idea di donna che piace ai vari Pillon e ai suoi complici, impegnati nella strenua promozione di stereotipi di genere e di ruoli che esaltino il maschio a danno della femmina (la loro indicata come l'oggetto che è utile solo per soddisfare la libido maschile o per produrre una progenie).
Commenti