Fratelli d'Italia sostiene che «pedofilia, necrofilia e zoofilia» siano «orientamenti sessuali»



Secondo Fratelli d'Italia, la necrofilia, la pedofilia e la zoofilia sarebbero «orientamenti sessuali». È quanto scrivono in una dei 400 emendamenti con cui il partito di Giorgia Meloni ha fatto ostruzionismo per impedire l'approvazione della legge regionale contro l'omofobia in Emilia Romagna:



Se è pur vero che Fratelli d'Italia non si è mai risparmiata da una propaganda basata sulla promozione di disinformazione e sulla creazione di paure irrazionali che potessero portare consensi a chi ha fatto dell'odio la propria bandiera, per l'ennesima volta ci troviamo davanti a persone pagate con denaro pubblico che rilanciano i più abominevoli e vergognosi slogan del peggior integralismo anti-gay. E forse non è un caso che al loro progetto abbiano collaborato pure quel Jacopo Coghe e quel Filippo Savarese che si vantano pubblicamente di aver impedito che migliaia di adolescenti potessero essere difesi da bullismo e vessazioni dato che loro sostengono che la discriminazione e l'odio debbano essere ritenuta lecite «opinioni» quando colpiscono i gruppi sociali che risultano vittime delle loro rappresaglie.

E se servissero prove della matrice ideologica, il profilo social di Michele Facci risulta ricolmo di messaggi delle sette omofobe, come quella in cui saluta con soddisfazione la legge dell'Alabama che impone alle donne stuprate di mettere al mondo il figlio del loro stupratore:


Ed ancora, manifesta grande soddisfazione davanti alla propaganda di Provita Onlus che ha causato la sospensione dei corsi di educazione alle diversità nelle scuole gestite dalle amministrazioni di estrema destra:


Per aver sostenuto che Arcigay ritenesse la pedofilia un «orientamento sessuale», il leader integralista Massimo Gandolfini è stato condannato per diffamazione aggravata. Ora il partito sostenuto dalla sua lobby tenta di rilanciare la calunnia e l'aberrante accostamento sui documenti. Avrà mai fine questa demoniaca campagna d'odio orchestrata da chi spera di poter trarre un profitto personale dalla discriminazione altrui?
3 commenti