I leghisti e i fascisti lanciano insulti e minacce di morte contro la giudice che non ha violato la Costituzione per compiacere Salvini



Probabilmente aizzati dall'ira di Salvini, Di Maio e Meloni contro una legge italiana che non permette di mettere punire chi salva vite a loro sgradite, molti militanti di estrema destra stanno riempendo le pagine dei social network con esplicite minacce di morte rivolte al giudice che non ha compiaciuto il loro odio. Ed è nella speranza che la Digos possa andare a citofonare od ognuno di loro (sempre non siano troppo occupati a togliere gli striscioni con scritto "ama il prossimo tuo" che non piacciono al ministro) che proponiamo alcuni messaggi che ben testimoniano verso quale livello di odio e di rabbia ci stia trascinando la costante propaganda del governo giallo-verde:


















Davanti a chi ci compiace nel vedere un bambino morto mentre cercava di scappare dalla povertà, c'è da temere che il leghismo possa ben presto diventare un nuovo nazismo.
1 commento