Sciacallaggio. Il senatore di Fratelli d'Italia sostiene che dietro ai fatti di Bibbiano ci sarebbe un «movente lgbt»



Il governo pare essere finito nelle mani di soggetti privi di scrupoli che hanno trovato un trucco per farsi mantenere con i soldi degli italiani mentre si dedicano esclusivamente ai propri affari e alla propria propaganda elettorale, è corsa allo sciacallaggio dei Bimbi di Bibbiano.
In particolar modo è Fratelli d'Italia ad aver deciso di ostentare il proprio odio contro la popolazione gay a seguito dell'accordo politico che hanno siglato con Massimo Gandolfini, ma è da voltastomaco assistere a sceneggiate propagandistiche e calunniose all'interno del Senato.
Durante il quesion time, Alberto Balboni di Fratelli d’Italia si è rivolto al ministro della Giustizia parlando dei fatti non ancora appurati di Bibbiano, dichiarando: «Il rischio è che ci sia un movente ideologico Lgbt dietro gli scandali».
Dal canto suo il guardasigilli si è limitato a dichiarare: «Invito tutti ad avere rispetto per il ruolo della magistratura, che sta portando avanti le indagini. Chi ha sbagliato, se ha sbagliato, pagherà. La bigenitorialità, negli affidi, ha una corsia preferenziale. E questo lo stabilisce la legge. Ma non ci potrà mai essere spazio per una banca dati che possa censire i cittadini per orientamento sessuale».
La richiesta di schedare gli omosessuali come Hitler fece con gli ebrei è parte della strategia elettorale di Fratelli d'Italia in vista delle regionali.
1 commento