Costanza Miriano attacca la Zuegg per il suo supporto alla comunità lgbt



Costanza Miriano sostiene che i suoi figli siano diventati più omofoba di lei, forse perché indottrinati all'odio da una madre che si vantava pubblicamente di addestrarli alla sopraffazione altrui. Ricorrendo a quegli insulti gratuiti che tanto la eccitano, è dalle pagine del suo blog che scrive:

Sono stata severamente redarguita dai figli perché ho comprato un prodotto Zuegg, che ha fatto una massiccia campagna arcobaleno. Non lo farò mai più. Poco male, perché il succo ha fatto abbastanza schifo a tutta la famiglia.

Il riferimento è al supporto che la Zuegg ha offerto al mese dei Pride e che la fondamentalista sostiene sia una imprecisata «campagna arcobaleno» quasi come se le vittime della sua costante offensiva fosse un prodotto concorrente al sui business basato sul commercio di omofobia.
Tra i commenti, la donna ricorre a tutta la sua disonestà intellettuale nel sostenere che il suo odio contro i Pride si basterebbe sul fatto che lei non sappia pensare ad un gay senza accomunarlo alla GpA, motivo per cui sarebbe «per i bambini» che lei pare non aver problemi quando le conseguenze dei loro comizi omofobi porta a conseguenze come questa:


Tutto questo ci porta ad osservate come un genitore omofobo possa inculcare un odio irrazionale nei propri figli, mostrando quanto sia necessario che la scuola protegga i minori attraverso azioni di prevenzione contro i pregiudizi.

Immagini: [1] [2]
2 commenti