La storia di Marcela Gracia Ibeas e Elisa Sánchez Loriga, due donne che si sposarono l'8 giugno 1901



La storia è ambientata nella fine dell'Ottocendto: Marcela Gracia Ibeas e Elisa Sánchez Loriga sono due ragazze che vivevano a Dumbria, un piccolo paese spagnolo della Galizia. Si conoscono a scuola e diventano inseparabili, sino a quando non iniziano a comprendere che la loro relazione andava ben al di là della semplice amicizia. Le due decidono così di andare a convivere.
Purtroppo anche ai tempi gli antenati di Pillon non accettavano che l'amore altrui potesse essere vissuto nella sua pienezza: il padre di Marcela tentò di mandarla in collegio poiché si diceva “preoccupato” di quell'amicizia, così come anche la gente del paese non si trattenne dallo sparlare di loro. La gente tirava sassi contro la loro casa, le evitava per strada e si presentavano con i forconi invitandole ad andarsene.
Dato che la ferocia degli antenati di Pillon era insostenibile, le due decidono di architettare uno stratagemma: finsero di litigare e Marcela se ne andò di casa. Nel paese si diffuse la voce che Elisa si sarebbe ben presto sposata con Mario, il cugino di Marcela, e questo bastò a placare il loro cieco odio. Peccato che Mario non fosse altro che Marcela travestita da uomo. Il travestimento funzionò al punto da ingannare davvero tutti, al punto che l'8 giugno 1901 le due donne riuscirono anche a sposarsi in chiesa e a consacrare il loro amore.
Purtroppo il loro piano venne scoperto e le due donne furono costrette a fuggire. Scapparono dapprima ad Oporto, in Portogallo, dove vennero messe in carcere. Poi scapparono a Buenos Aires. Qui Elisa decise di sposare un uomo molto anziano nel tentativo di ereditare un grande patrimonio, ma Elisa si sentì tradita e denunciò l’amata alla Polizia. Da allora di loro non si seppe più nulla,
Commenti