Ungheria: ragazza picchiata per una borsa arcobaleno



Kurucz Boglárka stata aggredita e picchiata brutalmente perché aveva con sé una borsa arcobaleno. È capitato in quell'Ungheria di Orban che tanto piace ai leghisti e ai neofascisti.
«Volevo solo essere come tutti gli altri che indossano questa borsa perché gli è piaciuta e basta», ha spiegato la vittima in un post pubblicato su Facebook.
La ragazza stava ballando con un amico quando un uomo rasato le ha preso la borsa con violenza le ha chiesto cosa fosse. Poi ha iniziato ad urlarle in faccia che lui la riteneva una lesbica perché quello era un arcobaleno, sferrandole il primo pugno in faccia e uno schiaffo.
A quel punto è intervenuto anche il padre del ragazzo che era con lei, ma l'omofobo lo ha spinto a terra e lo ha preso a calci. Il tutto nell'indifferenza dei passanti che si sono limitati solo a chiamare un'ambulanza.
«Ce la caveremo, ma solo il tempo dirà quanto ci vorrà per superare il trauma psicologico -ha spiegato la ragazza- Non credo di meritare questo trattamento solo perché la mia borsa aveva sei colori e a lui non piaceva. Viviamo in un mondo in cui un uomo adulto può picchiare una ragazza e un sessantenne solo per dimostrare quanto valgono i suoi ideali, perché il nostro problema principale è odiare qualcun altro? Se non possiamo accettarci gli uni con gli altri, è un fallimento»
4 commenti