L'idolo delle lobby omofobe inizia a proporre teorie suprematiste



Continuiamo ad occuparsi dei messaggi pubblicato da Alessandro Beni, idolo dell'integralismo organizzato. Se nei suoi precedenti messaggi ci informava che «la mia religione sono le cosce di tua madre», ora è sostenendo di essere un super-cristiano che inneggia al suo suprematismo che scrive:


Da copione, l'odio viene sempre accompagnato dal vittimismo, finalizzando il tutto allo stupro del cristianesimo come strumento di promozione di un nuovo nazismo gestito dalla sua amatissima ultra-destra. Ed è così che ci informa che le sinistre vorrebbero ingiustamente far vergognare delle "nostre" radici cristiane, della superiorità culturale, del sesso naturale e della fi*a.

Ed è sempre ripetendo ed esasperando il terrorismo della propaganda omofoba che il signor Beni afferma che "Nel 2022 Repubblica titolerà che sono state approvate le unioni con i bambini e che l'amore trionfa ancora":


Presumibilmente in riferimento ai partecipanti al Pride e al suo disinteresse verso gli italiani che vengono ammazzati dai regimi amici dei leghisti, scrive:


Chiude la carrellata un messaggio in cui Beni parla di "figli del culimonio", probabilmente in riferimento ai bambini in famiglie omogenitoriali:

2 commenti