Carlo Priolo, l'avvocato che pare cercare visibilità usando Bibbiano e messaggi di matrice omofoba



L'avvocato Carlo Priolo (nonché "opinionista" de L'Occidentale) ha ottenuto grande visibilità sulle pagine dei quotidiani di destra grazie al suo citare Bibbiano mentre se ne stava steso davanti a palazzo Chigi con l'intento di chiedere che ad una sua assistita fosse restituita la patria podestà dei figli dato che lei sostiene che dei giudici cattivi vadano in giro a togliere i bambini per «eccesso di affetto» o che la tutela dei minori debba essere ritenuta un «sequestro di di stato». Attraverso tesi rilanciate da organi di disinformazione propagandistica come Imola Oggi, la sua visibilità mediatica è stata accresciuta da teorie opinabili come il suo sostenere che la magistratura sia una mafia e che siano in atto dei «rapimenti dei bambini da parte dello stato». Ma pare decisamente inaccettabile che l'uomo arrivi a pubblicare sulla sua pagina Facebook dei messaggi come questo:


Al solito, l'avvocato pare voler dare ampio spazio all'interpretazione, forse ben sapendo che così facendo sarà più facile  sostenere di essere stati fraintesi. Di certo, però, non si capisce di quali "matrimoni gay falsi" stia parlando o del perché tenti di accomunare l'omosessualità alla pedofilia alla registrare dei peggiori fanatici dell'integralismo organizzato.
3 commenti