Pontida. Salvini chiude il suo comizio esibendo una bimba di Bibbiano a fini propagandistici



I leghisti dicono di voler denunciare presunti abusi sui bambini scattandosi selfie in Parlamento, ma poi manco si presentano alle riunioni della commissione d'inchiesta sul caso. A spiegarci come la Lega di Matteo Salvini creda di poter abusare dei minori come strumento di consenso politico e come apice definitivo del loro degrado valoriale è come il leader leghista abbia chiuso il suo comizio di Pontida agitando sul palco una bambina di Bibbiano.
Surreale che il leghista accusasse la sinistra di «usare i bambini» quando gli chiesero conto del perché facessero foglietto giocasse con le modo d'acqua della Polizia di Stato per poi abusarne quando ha creduto di poterne trarne un profitto personale. Il tutto facendoci domandare se i servizi sociali non abbiano fatto bene a togliere la tutela dei figli ad una famiglia che ha consegnato propria figlia all'ex ministro per poterla esporre come un fantoccio durante quel miserevole teatrino. Ed è difficile anche trovare parole per un partito che cerca consensi attraverso la più squallida spettacolarizzazione dello schifo, tentando di trasformare e sfruttare tutto in schifosa propaganda politica.
2 commenti