Provita impone i suoi manifesti anti-eutanasia ai bambini



Forse intenzionati a reclutare minorenni, Jacopo Coghe e Toni Brandi si sono spinti sino a parcheggiare i loro camion propagandistici davanti alla scuola media di San Benedetto del Tronto (Ap). I due hanno deciso di mostrare a quei bambini il manifesto in cui sostengono che le vittime di bullismo potranno accedere al suicidio assistito, incuranti di come quella tesi si basi sul falso assunto che non ci saranno regole.
Se pare già grave che la loro organizzazione si faccia finanziare da Mosca per inquinare il dibattito pubblico attraverso disinformazione e slogan terroristici, il fatto diventa gravissimo quando il loro target diventano i bambini.
Commenti