Savoini, le trattative con Mosca e la pioggia di denaro pubblico elargito dalla Lega



Salvini ha cercato di liquidare le trattative con Mosca volte ad ottenere finanziamenti neri per il suo partito tentando di spacciare Gianluca Savoini come uno sconosciuto che si sarebbe imbucato ai suoi summit bilaterali. Eppure una nuova inchiesta de L'Espresso svela che la Lombardia salviniana ha inondato di denaro pubblico proprio il responsabile di quelle trattative, elargendigli consulenze con compensi stratosferici siglate sin dal maggio dello scorso anno attraverso alcune società controllate. A ciò si somma lo stipendio che Savoini percepisce da vicepresidente del Corecom Lombardia, eletto su proposta della Lega nel settembre 2018 a pochi mesi dall’inizio della legislatura giallo-verde e dall’arrivo alla presidenza della Regione del leghista Attilio Fontana.
1 commento