Colorado, pastore organizza una preghiera per «purificare» la chiesa della presenza di un gay



Greg Schaffer, pastore nella chiesa cristiana di Gateway Church a Del Norte, in Colorado, pare aver dato fondo alla sua omofobia nell'organizzare un rito di «purificazione» della sua chiesa in virtù di come sostenesse fosse stata profanata da un relatore al un convegno del Rural Philanthropy Days. L'uomo aveva semplicemente parlato di come poter prevenire il suicidio tra i giovani lgbt raccontando la sua storia personale dal palco.
Schaffer ha sostenuto che l'oratore avesse osato condividere «alcune cose che non sono in linea linea come chiesa» e che fosse necessaria una preghiera per «purificare» la chiesa della presenza dell'uomo. Dal pulpito si è messo a sbraitare che «il movimento LGBT - Q, X, Y e tutte le lettere extra che vengono messe, stanno tentando di entrare nei nostri sistemi scolastici, nelle nostre chiese, nelle nostre comunità e, più di questo, nelle nostre famiglie. Non appoggiamo l'omosessualità in questa chiesa. Crediamo che sia un peccato».
Non è andata meglio con la sua «preghiera di parificazione», a tratti quasi grottesca: «Signore, preghiamo per coloro che hanno una mentalità diversa, un modo diverso, uno stile di vita diverso. Signore, non perdoniamo l'uomo di questa mattina. Signore, che il nemico non abbia roccaforte in questo edificio, o nei nostri cuori e nelle nostre menti ... Ottieni le mie scuse per aver permesso che ciò accadesse».
Dal canto suo, Justin Garoutte ha espresso il suo sgomento davanti alla carnevalata inscenata a sua insaputa dal sacerdote: «Professionalmente e privatamente, lavoro per costruire l'equità sanitaria per i giovani LGBTQ in tutta la regione, e so in prima persona come le osservazioni omofobe come il pastore Greg aumentano la paura e gli esiti negativi sulla salute attraverso lo stress di minoranza».
Commenti