L'Iran potrebbe giustiziare il popolare cantante Mohsen Lorestani, accusato di essere gay



Il cantante Mohsen Lorestani è stato arrestato dalle autorità irachene con l'accusa di "corruzione sulla Terra". In altre parole, lo accusano di essere gay e per questo rischia ora la pena di morte.
Mentre le autorità cercano di non fornire dettagli sull'accaduto, il suo avvocato spiega che «i presunti incidenti sono avvenuti in una chat privata».
In uno stato in cui persino il sesso al di fuori del matrimonio è considerato reato, si stima che svariate migliaia di persone gay siano state giustiziate dalle autorità a partire dal 1979. Tra le uccisioni più recenti c'è quella di un adolescente gay di nome Hassan Afshar, impiccato in pubblico nel 2016 dopo essere stato incarcerato quasi due anni. Nello stesso anno le autorità hanno ucciso anche Alireza Tajiki, arrestato all'età di 15 anni e giustiziato dopo aver estorto una presunta «confessione» attraverso la tortura.
All'inizio dell'anno, il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha dichiarato ad un giornalista tedesco che lui approva quelle uccisioni, perché «la nostra società ha principi morali. E viviamo secondo questi principi ... Questi sono principi morali riguardanti il ​​comportamento delle persone in generale. Ciò significa che la legge è rispettata e la legge è rispettata».
In un suo brano, Mohsen Lorestani si chiedeva: «Da quando l'amore è un crimine?».
2 commenti