La destra tenta di trasformare lo spot Esselunga contro il divorzio in un manifesto anti-gay


Siamo oltre il surreale. Nonostante sia Salvini ad aver mollato tutte le madri dei suoi figli per correre dietro alla Verdini e nonostante sia la Meloni a non essere sposata col padre di sua figlia, le destre hanno trasformato lo spot Esselunga che usa i bambini per attaccare il diritto al divorzio in un pretesto per attaccare i gay.
Quindi, nonostante molti di loro siano divorziati o conviventi, dicono che trovano molto bello che si dica che chi divorzia farebbe male ai bambini e che loro provano empatia per una bimba bianca che vorrebbe che i suoi genitori stessero assieme. D'altronde mica era un figlia di migranti da rinchiudere nei loro campi di rimpatrio. Ed ancora più surreale è come la oppongano ai gay, dicendo che non è legittimo esprimere critiche a chi fa sentire in colpa i bambini per i problemi dei loro genitori in virtù di come la coppia protagonista dello spot si bianca ed eterosessuale. E così, l'Italia di Giorgia Meloni diventa un posto dove la benzina costa più di due litri ma la politica preferisce occuparsi degli spot di una catena di supermercati. Dicono tutti che Emma li commuove perché vorrebbe che i suoi non si comportassero come Salvini, Trump, Orban, Berlusconi o Putin. Tutti rigorosamente divorziati. Ma il discorso cambia quando quegli stessi politici propongono leggi che servono a trappare figli amati da genitori che si amano perché non sono del sesso che dicono loro.

Accodandosi a Giorgia Meloni, Matteo, Salvini, Simone Pillon, Mario Adinolfi, Lucio Malan, Giorgio La Porta e Francesca Totolo, il pastore evangelico Luigi Carollo si dice eccitato dalla nuova pubblicità del supermercato che finanziava Salvini, Meloni e alcuni gruppi neofascisti. E la quasi totalità di loro ha usato quello spot per attaccare i gay, anche se del tutto estranei alla narrazione e ai fatti. Precisando che quando c'è da fare polemica lui c'è sempre, scrive:



Il pastore evangelico nega che lo spot sia criticato perché fa sentire in colpa i bambini. Preferisce irridere la discriminazione e dire che si starebbero discriminando le coppie uomo-donna, iniziando poi a sostenere che lo spot sarebbe piaciuto se fosse stato arcobaleno o sostenitore di fantomatiche "teorie gender". Poi tenta di rilanciare quella sua opposizione con le famiglie gay anche in un successivo messaggi, in cui prova nuovamente a negare i veri motivi delle critiche in modo da istigare i suoi contro altre famiglie:



L'ossessione di Carollo contro la famiglie gay è evidente. Si vanta persino di aver scritto una imprecisata "tesi" in cui usala la Bibbia per sostenere che Dio voglia che si siano rapporti carnali tra maschi e femmine:



Quindi fantastica sulla "dualità sei sessi", dice che sbagliato volere figli e poi sostiene che si dovrebbe stare con chi si ama per figli che non sarebbero fine ma frutto. Il che spiegherebbe perché anche dagli stupri nascano bambini, anche se in quel caso viene un po' meno il suo fantasticare sul fatto che i figli nascerebbero da unioni stabili basate sull'amore.
Commenti